Registrazione del marchio abbandonato: se non è più noto al pubblico non c’è mala fede

Registrazione del marchio abbandonato: se non è più noto al pubblico non c’è mala fede

La Corte di Cassazione ha confermato che l’art. 19 comma 2 del Codice della Proprietà Industriale che esclude la registrazione del marchio in mala fede non è applicabile alla registrazione di marchi scaduti e che abbiano cessato di produrre effetti. L’Editrice Radio Vicenza era stata titolare di una registrazione per il marchio “Radio Vicenza”, ma a partire dal 1998 aveva omesso di rinnovare la registrazione del marchio. Quando anni dopo la Radio RVA aveva ottenuto a sua volta la registrazione del marchio “Radio Vicenza”, l’Editrice Radio Vicenza aveva iniziato una causa volta ad ottenere l’annullamento della nuova registrazione. Il Tribunale e la Corte d’Appello avevano respinto la richiesta dell’Editrice Radio […]

Continua la battaglia del Prosecco: questa volta contro Prosè

Continua la battaglia del Prosecco: questa volta contro Prosè

Con decisione del 20/04/2018 l’EUIPO ha accolto l’opposizione svolta dal Consorzio di Tutela della Denominazione di Origine Controllata Prosecco, contro la domanda di registrazione del marchio PROSE’. L’Opponente rivendica che la denominazione PROSECCO è registrata ai sensi del Regolamento (UE) n. 1308/2013 come Denominazione di Origine Protetta per vino, dal 1° agosto 2009, ossia da data anteriore al deposito del marchio opposto. Si intende per «denominazione di origine», il nome di una regione, di un luogo determinato o, in casi eccezionali debitamente giustificati, di un paese, che serve a designare un prodotto di cui all’articolo 92, paragrafo 1, del regolamento n. 1308/2013 conformemente ai seguenti requisiti: – la sua qualità […]

Studio EPO sull’importanza dei brevetti per le PMI europee

Studio EPO sull’importanza dei brevetti per le PMI europee

A settembre di quest’anno, L’EPO (European Patent Office) ha pubblicato una serie di 12 casi di studio incentrati su come le piccole e medie imprese (PMI) in Europa stanno utilizzando i brevetti a loro vantaggio. La pubblicazione mira a sensibilizzare le PMI sull’importanza dei brevetti e ad aiutarle ad utilizzare le esperienze e le buone pratiche delle aziende descritte nei casi studio per sostenere il proprio sviluppo e crescita. Le aziende sono attive in un’ampia gamma di settori, dalla tecnologia medica e biotecnologia alle ICT, all’energia e all’ambiente, e impiegano modelli di business diversi. Fornendo informazioni e raccomandazioni dettagliate, i casi di studio illustrano come le aziende possano adeguare in modo attivo la loro strategia IP alle esigenze aziendali […]

Contraffazione del marchio “OKI” e criteri di risarcimento del danno

Contraffazione del marchio “OKI” e criteri di risarcimento del danno

Il Tribunale di Milano, con Sentenza depositata il 27/06/2017, ha stabilito che il marchio KOKI accompagnato ad una parte meramente descrittiva del prodotto (KOKI-tuss; KOKI-mucil; KOKI-dec) è privo di novità ed interferente con il marchio rinomato OKI, in maniera tale da far sussistere quantomeno il rischio di agganciamento al segno rinomato, dal quale deriva lo sfruttamento dell’indebita associazione che il consumatore medio nei suoi acquisti di farmaci in libera vendita potrebbe stabilire con la qualità e i pregi dei prodotti della titolare del segno rinomato. Al contempo, la titolare del marchio in contraffazione arrecherebbe pregiudizio al marchio della concorrente, indebolendone l’idoneità a identificare come provenienti dalla sua titolare i prodotti per […]

Il marchio e il disegno industriale nell’Unione Europea

Il marchio e il disegno industriale nell’Unione Europea

Le domande di marchio e disegno a livello comunitario aumentano sempre di più secondo le statistiche ufficiali e il motivo è ben comprensibile se si pensa che oramai i confini nazionali sono molto limitati in un contesto globalizzato e tecnologico come quello odierno. Per questo il mio consiglio, sin da tempi non sospetti, è sempre stato quello di depositare la domanda di marchio o di disegno industriale in ambito comunitario. Sul punto tralascio di commentare le evidenti tare di efficienza dell’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, per passare a valorizzare, di contro, l’efficienza e l’utilità del sistema europeo dell’Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale (EUIPO). Noto come UAMI fino al […]

Entro il 2017 l’Unione Europea e la Cina collaboreranno per proteggere 200 indicazioni geografiche europee e cinesi, 100 per parte

Entro il 2017 l’Unione Europea e la Cina collaboreranno per proteggere 200 indicazioni geografiche europee e cinesi, 100 per parte

Ciò consentirà finalmente di prevenire e reprimere efficacemente imitazioni ed usurpazioni dei prodotti protetti ed è ragionevole aspettarsi vantaggi commerciali reciproci, nonché una maggiore sensibilizzazione dei consumatori ed una crescita della domanda di prodotti di alta qualità da entrambe le parti. Tra i prodotti dell’Unione Europea potenzialmente oggetto di protezione in Cina inseriti nell’elenco figurano Bayerisches Bier Feta Queso Manchego Champagne Gorgonzola Polska Wódka. Mentre tra i prodotti cinesi che aspirano ad ottenere lo status di indicazione geografica nell’UE sono presenti, per esempio, Yantai Ping Guo (mela Yantai) Hengxian Mo Li Hua Cha (tè al gelsomino Hengxian) Panjin Da Mi (riso Panjin) Baise Mang Guo (mango Baise). Il mercato cinese di prodotti agroalimentari è uno dei maggiori al mondo e […]

Concorrenza sleale – blurring e tarnishing – competenza

Concorrenza sleale – blurring e tarnishing – competenza

Tribunale di Bari – Sezione specializzata in materia di proprietà industriale e intellettuale Con la domanda sono stati chiesti i provvedimenti cautelari previsti dal codice della proprietà industriale, ed in particolare la descrizione di cui all’art. 128 e l’inibitoria di cui all’art. 131, oltre la pubblicazione dell’ordinanza, nonché un provvedimento di inibitoria in relazione agli atti di concorrenza sleale. La ricorrente ha allegato l’inadempimento di mandato agenziale con esclusiva, deducendo l’esistenza di pratiche concorrenziali scorrette, da cui è derivata la revoca del mandato medesimo. Risulta in particolare dedotta una condotta di boicottaggio dei prodotti Alfa concretatasi nella vendita, all’interno della rete commerciale Alfa, di prodotti diversi (il caffè Quaranta ed […]